Il laser per smettere di russare

0
641

Sonni silenziosi grazie al laser. Per ripristinare il normale flusso dell’aria ed evitare di conseguenza il russamento oggi c’é un rimedio più sicuro ed efficace del bisturi: la terapia chirurgica laser. Si effettua con il laser CO2 (anidride carbonica) pulsato e previene le piccole e grandi conseguenze che la roncopatia ha sull’equilibrio psico-fisico.

Uno dei più frequenti disturbi del sonno é la roncopatia (dal greco rhonchòs, rumore che fa chi russa). A soffrire di questa patologia é un’altissima percentuale di persone (si parla del 60% degli uomini e del 40% delle donne oltre i quarant’anni, ma il fenomeno non risparmia neppure i più giovani, bambini compresi). Nonostante il russamento sia la causa di molti disturbi e malattie, a tutt’oggi – e almeno in Italia – non é stata ancora condotta una seria campagna di prevenzione dei danni da roncopatia. Negli Stati Uniti, ad esempio, la Commissione nazionale per lo studio dei disturbi del sonno ha invece decretato che il russare e le altre patologie respiratorie disturbano gravemente lo stato di salute, influenzando tra l’altro in maniera negativa le normali attività quotidiane. Chi russa infatti – oltre a disturbare il riposo di chi vi dorme accanto – rischia di andare incontro a una o più di queste spiacevoli conseguenze: difficoltà di risveglio, cefalee mattutine, sonnolenza diurna, scarsa concentrazione, calo della libido, ipertensione arteriosa, cardiopatie, problemi cerebrovascolari.

A questi disturbi vanno aggiunte anche le temute apnee notturne, una serie di pause respiratorie che portano ad una cattiva ossigenezione del cervello e – nei russatori cronici – all’aggravarsi dei disturbi sopra citati. Ma a risolvere il problema del russare c’è l’innovativa terapia chirurgica: l’uvulofaringopalatoplastica a mezzo laser CO2 pulsato, eseguita in anestesia locale, attraverso nebulizzazione sulla mucosa.

 

I GUAI DI CHI RUSSA

  • Disturbo del partner o di chi dorme vicino
  • Apnee notturne
  • Risveglio difficoltoso
  • Cefalea mattutina
  • Sonnolenza diurna
  • Minore capacità di concentrazione
  • Distrazione durante il lavoro o la guida
  • Calo della libido
  • Ipertensione arteriosa
  • Cardiopatia
  • Disturbi cerebrovascolari

 

LA TERAPIA CHIRURGICA LASER

La terapia chirurgica laser consente di eliminare definitivamente (o comunque di ridurre drasticamente) la roncopatia, ovvero la patologia del russare. “La tecnica – spiegano gli specialisti del Medical Laser di Padova, centro specializzato in chirurgia laser d’avanguardia – viene praticata grazie al laser ad anidride carbonica pulsato, in grado di vaporizzare in maniera precisa ed efficace piccole strisce del palato molle. In questo modo, intervenendo sui pilastri, sull’arcata e sull’ugola  (le vaporizzazioni praticate con il laser CO2 hanno infatti lo scopo di ridurre direttamente il volume di queste parti), si allarga lo spazio orofaringeo e si eliminano di conseguenza le fastidiose vibrazioni dovute alla difficoltà di passaggio dell’aria nelle prime vie aeree. La terapia si svolge in assenza totale di sanguinamento e dura all’incirca trenta minuti.

IN COSA SI DIFFERENZIA DALLA CHIRURGIA TRADIZIONALE

Oltre a non richiedere la degenza (é possibile il ritorno a casa subito dopo l’intervento), la terapia chirurgica laser contro il disturbo del russare presenta numerosi vantaggi rispetto alla tecnica tradizionale (quella cioé praticata con il bisturi). In particolare  il laser consente un intervento semplice, affidabile e ben tollerabile da parte del paziente. I tessuti, grazie all’azione fotocoaugulante del raggio laser, si cicatrizzano in maniera più rapida e senza provocare dolore (al massimo il fastidio, per qualche giorno, di un lieve mal di gola). Se l’uvulofaringopalatoplastica tradizionale é da ritenersi consigliabile solo in casi estremi per via del complicato post operatorio, la terapia a mezzo laser costituisce invece una semplice e valida alternativa anche per i pazienti che rivelano un russamento semplice e che possono pertanto essere operati senza dover subire forti stress chirurgici.

QUESTI I RISULTATI

Su un campione di cento pazienti sottoposti alla terapia chirurgica laser, settantaquattro hanno dichiarato di non soffrire più di roncopatia (circa la metà di essi afferma inoltre di sentirsi più energico), ventidue hanno notato un netto miglioramento, mentre solo quattro (casi questi comunque irriducibili) hanno dichiarato una situazione invariata.

Fonte: russare.net